Argante è uno strano personaggio, « secco come un palo e con un buffo cappello che fa luce…», Bea è una bambina molto sveglia e terribilmente curiosa. Quando viene a sapere che Argante abita in un teatro, gli fa mille domande su come allestire uno spettacolo. Argante ne sa davvero molto e con affettuosa pazienza introduce Bea e i suoi amici nel magico mondo del teatro.

Argante, Bea e gli altri è un libro da leggere, ma non solo. È concepito per essere utilizzato, fatto proprio dal bambino, personalizzato: non è un oggetto da consumare e poi gettare. Sfogliando il volume, il bambino troverà giochi da costruire o da completare, che accresceranno il suo bagaglio culturale e gli daranno la ricchezza di un’esperienza che lo accompagnerà anche in futuro. È un libro di cui potrà diventare protagonista, in cui c’è ancora tanto da inventare e da fare con la fantasia e con la manualità. Alcuni stimoli vengono anche dalle illustrazioni di Michelangelo Pace.

Questo libro, insieme a Fa-Re teatro nella scuola, inaugura la collana “Quaderni di Lilliput” del “Progetto Gulliver”, un progetto ideato da Letizia Bernazza,  Laura Novelli e Annamaria Sorbo, che la casa editrice Armando ha accolto (1998) nell’intento di produrre materiali di supporto per chi voglia “giocare” al teatro.